Pedaggio e riforma del codice della strada

By 27 Settembre 2016News

Anpas chiede l’esenzione del pedaggio ai veicoli di soccorso delle associazioni di volontariato
26 giugno – Autostrade per l’Italia ha confermato la piena presa d’atto di quanto indicato dal Ministero dei Trasporti a tutte le concessionarie con la circolare del 22 maggio u.s. (prot.0005068) e quindi la conseguente piena applicazione in termini di esenzione del pedaggio autostradale con l’ulteriore chiarimento del concetto di “soccorso in emergenza”. (LETTERA AUTOSTRADE)

In sintesi sulla base di quanto stabilito dalla circolare ministeriale nella attività di “soccorso sanitario assistito (medico o infermiere a bordo) deve essere ricompreso anche il trasporto effettuato con personale volontario adeguatamente formato”.

A seguito di contatti con la Direzione delle Autostrade questa ultima ha confermato che, sulla base delle indicazioni ministeriali, le convenzioni stipulate con le Associazioni di volontariato che hanno già aderito alla piattaforma web per l’autocertificazione dei transiti esenti verranno aggiornate sulla base di quanto stabilito dalla circolare ministeriale. Per quanto riguarda le convenzioni che verranno stipulate da ora in avanti le stesse conterranno già nel testo la piena applicazione della nota ministeriale.

4 giugno 2015 – Anpas nazionale è tornata a scrivere ad Autostrade per l’Italia per richiedere, a seguito della circolare del MIT del 24 maggio 2015 – una piena applicazione di quanto stabilito in modo chiaro dal Ministero. (LETTERA Anpas nazionale)

24 maggio 2015 – Secondo la nota una nota inviata dal Ministero Infrastrutture e Trasporti ai concessionari della rete austradale, a seguito di un incontro con Anpas nazionale e Anpas Toscana – saranno esenti dal pagamento del pedaggio con Telepass anche i servizi di soccorso in emergenza effettuati dai volontari formati.
“Nell’attività “soccorso sanitario assistito” (medico o infermiere a bordo) – si legge nella circolare del Ministero – deve essere ricompreso anche il trasporto effettuato con personale volontario adeguatamente formato, purché il trasporto stesso avvenga nell’ambito della circolare relativa all’esenzione dal pedaggio autostradale per i veicoli delle associazioni di volontariato e organismi similari”.

26 febbraio 2015 – “Chiederemo alla Società Autostrade, nel nome di una positiva collaborazione, di rendere più snella la modalità di autocertificazione, nella piattaforma web, del transito per quei veicoli per i quali è prevista l’esenzione” ha dichiarato il viceministro delle Infrastrutture e dei trasporti Riccardo Nencini che oggi han nuovamente incontrato a Roma, presso il Mit, i rappresentanti nazionali e toscani di Anpas e Misericordie. Leggi tutto

12 gennaio 2015, lettera ministro Lupi Esenzione pedaggio autostradale – Disdetta Accordo ANPAS e Autostrade per l’Italia. LEGGI TUTTO.

“Apprezziamo lo sforzo di Autostrade per l’Italia che proroga di tre mesi l’esenzione del pedaggio per il trasporto sanitario di Anpas e Misericordie”, dichiara Fabrizio Pregliasco, presidente Anpas.

È arrivata in serata la nota di Autostrade per l’Italia: “Per favorire ulteriormente una corretta e facile applicazione del nuovo modello di gestione dei transiti esenti da parte delle associazioni aderenti ad Anpas e Misericordie, e dare ulteriore tempo per i necessari chiarimenti normativi, Autostrade per l’Italia ritiene opportuno prorogare ulteriormente di tre mesi, fino al 02 ottobre prossimo, le convenzioni già scadute” si legge nella nota.
«Ora spetta a Governo e Ministero dei Trasporti sciogliere i nodi normativi sui quali da mesi chiediamo un confronto e una risoluzione e che finora ci sono stati negati nonostante una sentenza del Consiglio di Stato (7/2/2013, N.2477), interrogazioni parlamentari, una risoluzione della Commissione Trasporti alla Camera dei Deputati (4/6/2014 n.8-00060 Tullo-Fossati). Auspichiamo una convocazione nel più breve tempo possibile».

Roma 26 giugno 2014

Fonte Anpas

Leave a Reply